I vertici dei Red Sox

Ron Roenicke è a tutti gli effetti il manager dei Red Sox

BASEBALL

Dopo 3 anni di Red Sox una volta alla settimana, mi sono ritrovato senza campionato di Major League Baseball. Complice la giornata festiva, ho pensato che sia il momento di fare il punto della situazione.

Ron Roenicke era stato nominato manager dei Red Sox ad interim. Ora la sua carica è di manager e basta. Il contratto però è solo di un anno. Questo ha portato a speculare sulla possibilità che Alex Cora, il manager che ha guidato Boston alle World Series 2018 e che nel 2019 ha combinato un disastro, possa tornare al comando nel 2021.

“La separazione da Alex è dovuta al suo ruolo nella vicenda degli Astros” ha chiarito il Chief Baseball Officer Chaim Bloom.

I Red Sox hanno anche accennato al fatto che Cora dovrà seguire un “percorso di riabilitazione” non meglio identificato.

La squalifica di Cora per tutto il 2020 è stata comunicata dal Commissioner MLB Rob Manfred dopo la conclusione dell’indagine sui Red Sox, che erano accusati di aver utilizzato i video in modo improprio durante la stagione 2018.
Cora però è squalificato per gli illeciti commessi nell’utilizzo dei video quando era bench coach degli Houston Astros 2017.
“Mi prendo tutta la responsabilità” ha detto Cora.

Tornando ai Red Sox, il Commissioner ha riferito di un utilizzo “improprio” delle immagini delle partite da parte di J.T. Watkins, l’addetto ai replay di Boston. Allo stesso tempo ha reso noto che il manager Alex Cora, i coach, la dirigenza e la gran parte dei giocatori non erano a conoscenza di quello che Watkins stava facendo. Le violazioni sono state verificate solo per partite di regular season, visto che le sale replay della post season erano monitorate da incaricati dell’Ufficio del Commissioner.
La decisione di Manfred è di “sospendere” (il che significa che non verrà pagato) Watkins per la stagione 2020 e vietare il suo utilizzo nella sala replay per la stagione 2021.
I Red Sox dovranno rinunciare alla seconda scelta nel Draft 2020.
Watkins ha negato ogni addebito, ma 14 dei 44 giocatori intervistati hanno invece ammesso di aver ricevuto da lui informazioni sui segnali degli avversari. Un giocatore ha addirittura spiegato di aver visto Watkins scrivere la sequenza dei segnali.
In seguito a un accordo tra il Commissioner e il Sindacato Giocatori (MLBPA), non verranno rivelati i nomi dei 44 giocatori che hanno collaborato.

J.T. Watkins appare come il più classico capro espiatorio.
“La MLB aveva bisogno di una testa sul vassoio che giustificasse un’indagine durata 3 mesi” ha scritto, senza mezzi termini, Pete Abraham sul Boston Globe.

“Watkins non ha fornito una spiegazione convincente” ha detto il Commissioner.

Ha rincarato la dose un altro editorialista del Globe, Dan Shaughnessy: “Watkins entra nel pantheon di quei dipendenti leali e sottopagati di squadre professionistiche del New England che si prendono la colpa degli scandali”.

I Red Sox hanno confermato che Watkins è ancora a libro paga, ma che al momento non hanno idea se avrà un ruolo nel 2021.
J.T. Watkins ha 30 anni, è laureato all’Accademia Militare di West Point ed è figlio di uno scout dei Red Sox.

Il Presidente Sam Kennedy da parte sua ha ammesso: “Ci dobbiamo meritare la fiducia. Lo sappiamo e siamo pronti a fare di tutto. Come organizzazione abbiamo sbagliato e dobbiamo fare meglio”.

Se ci sarà una stagione 2020, i Red Sox la affronteranno senza Chris Sale. Il lanciatore numero uno, dopo un inizio di preparazione caratterizzato dai problemi, ha subito l’intervento di Tommy John per la ricostruzione del legamento collaterale ulnare del gomito sinistro.

Senza Sale, probabilmente i Red Sox non sono una squadra da titolo. Ma non sono nemmeno una squadra di secondo piano. Certo, per una stagione da protagonisti hanno bisogno che Nathan Eovaldi ed Eduardo Rodriguez lancino da numero uno e numero due di una squadra da playoff, che Martin Perez si riveli un acquisto azzeccato e che Darwinzon Hernandez si evolva nel quarto partente. O hanno bisogno di rinforzi.

Chris Sale è stato operato al gomito
Chris Sale

Sugli aspetti tecnici della stagione tornerò comunque quando sapremo per certo che ci sarà una stagione.

Seguitemi sui social media tramite l’hashtag #redsoxinitaliano

La sezione speciale del sito

Share Button