Stagione di sofferenza, facciamocene una ragione

BASEBALL

E stagione di sofferenza sia!
Alla fine dell’ottavo, sul 5-2 per i Tampa Bay Rays (Sale 9 strike out in 5.2 riprese, ma anche 4 punti con 6 valide, di cui 2 homer, e 3 basi), gli Yankees erano ad appena 2 partite. Poi un errore difensivo ha messo i presupposti per pareggiare con 3 punti al nono (e lasciare il punto del vantaggio in seconda con un out). Kimbrel lancia il nono per tenere il pareggio. Al quattordicesimo i Red Sox tornano in vantaggio grazie a Betts e Devers (e lasciano un Devers in seconda con un out). Al cambio campo un fuoricampo di Kiermaier (che al nono aveva evitato il doppio vantaggio Boston con una gran presa in tuffo) su Workman pareggia di nuovo la partita. Al quindicesimo, grazie a 4 valide (tra cui un doppio di Marrero) e (soprattutto) 2 errori dei Rays. I Red Sox segnano 7 punti e Workman, oltre alla blown save, si vede accreditare la vittoria. Il quindicesimo lo lancia Boyer. Di 9 lanciatori, il vero vincente è Kelly: 3 riprese (11, 12 e 13), nessun corridore in base, 2 strike out.

Magic number

I Red Sox conservano molte probabilità di finire primi e la quasi certezza di disputare come minimo lo spareggio per la Wild Card. Il Magic Number per la vittoria della Division è sceso a 13. Significa che la somma delle vittorie dei Red Sox e delle sconfitte degli Yankees deve arrivare a 13 nelle prossime 15 partite. Il Magic Number per accedere allo spareggio per la Wild Card (l’inseguitore è rappresentato dai Los Angeles Angels) è 7.
Il Magic Number si calcola in maniera semplicissima: gare totali + 1 (nel nostro caso: 163) – vittorie della squadra in testa (i Red Sox) – sconfitte dell’inseguitrice (Yankees o Angels).

Gli infortuni

Con il rientro di Price e Carson Smith, gli unici sulla lista infortuni sono Eduardo Nunez (c’è chi ritiene non rientrerà prima della fine della regular season) e Hanley Ramirez, che invece dovrebbe essere disponibile da un momento all’altro.
Ricordiamo che quest’anno i Red Sox hanno perso per infortuni che hanno richiesto interventi chirurgici: Marco Hernandez, Josh Rutledge (interni), Robbie Ross, Tyler Thornburg, Steven Wright (lanciatori).

Uno screen shot del calendario. Manca la partita del 1° ottobre

Il calendario da qui alla fine non non è nè buono nè cattivo: altre 2 fuori casa con i Rays, poi 3 fuori casa con gli Orioles, un giorno di riposo giovedì 21 settembre, 3 partite a Cincinnati contro i Reds. Le ultime 7 partite sono in casa (25 settembre-1 ottobre): 3 con i Toronto Blue Jays e 4 con gli Astros di Houston.

 

Share Button
Stagione di sofferenza, facciamocene una ragione ultima modifica: 2017-09-16T12:24:50+00:00 da Riccardo Schiroli

2 thoughts on “Stagione di sofferenza, facciamocene una ragione

Comments are closed.